DLF OnClick
Vai ai contenuti

Lettera del figlio al padre

Archivio

ER FIJO AR PADRE ILLUSO


A’ papà, te lo devi mette in testa,
nun so’ un gran campione,
so’ er fijo che te resta:
te pare poco st’emozione?

Però l’artro giorno m’hai strillato:
“cojone, che te sei magnato!
Eri solo davanti al portiere …”
E che te pensi? M’ha fatto piacere?

Perché quann’ero piccolo me ridevi
e dorce dorce me parlavi?
Forse campione già me immaginavi?
Era pe’ quello che me volevi?
Perché me’ nsegnavi a camminà?
Pe’ potemme vedé in televisione
e a tutto er monno poté urlà:
“So’ io er padre de quer campione!”

Ma si pe’ me cciai ’n po’ d’amore,
strilla uguale, dillo a tutti,
fattelo usci’ dar core
che i fiji nun so’ mai brutti.

Se me capita da litigà cor pallone
e quarcuno strilla: “facce pace!”,
nun pensà a me come a un cojone,
pensa solo che a giocà me piace.

Nun te fa er sangue amaro,
se er mister me chiama somaro.
E’ sortanto ‘na partita,
nun me sto a giocà la Vita.

Si tu me vieni a vedé,
lo sai so’ felice,
ma lo dovresti da sapé
che nun sempre se po’ vince.

Certo che me devo ‘mpegnà,
neanche a me me piace perde,
ma cor pallone nun ce devo magnà,
me bbasta core su un prato verde.

E si pure fosse de puzzolana,
me sta bene lo stesso,
si tu stai bbono in tribuna
e dopo nun me chiami fesso.

Si quarche vorta er pallone nun lo pijo,
nun fa caso alle risate della gente,
pensa a me come ar tu fijo
e dell’artri nun te ne fregà de niente.

Ringraziamo Dio che so’ sano,
nun è poco, damme retta,
e piuttosto damme na’ mano
a nun vive illuso e co’ la fretta.

Daje, lascia perde sto sogno,
coro uguale ner vento,
e pure si nun segno,
vedi da esse un po’ contento.

Papà, nun me lascià solo nella Vita,
te lo dico pe’ l’urtima vorta:
giocamola insieme ‘sta partita,
sfonnamola insieme ‘sta cazzo de porta!!


Dal libro AMARCORD di Walter De Bardi
poesia di De Bardi Luciano

Torna ai contenuti